occhio verde di donna su sfondo di foglia verde di banano

Eyeliner per principianti: consigli e prodotti

Ami l’eyeliner ma sei una principiante e cerchi consigli e prodotti giusti per cominciare? Sei sul post giusto, my dear! Quando sottolinei gli occhi con una riga di eyeliner il tuo sguardo appare subito più intenso. Di seguito trovi le varie tipologie di eyeliner, come usarli al meglio e a quali esigenze sono adatti. In ogni caso ricorda che, come per tutte le cose, l’allenamento è fondamentale: più ti cimenti, più diventi sicura. Andiamo!

Disclaimer: i link Amazon che trovi in questo post sono affiliati. Questo significa che se acquisti utilizzando quei link io riceverò una piccola percentuale. Grazie 🙂

occhio verde di donna su sfondo di foglie verdi di banano

L’ombretto nero

Se hai timore di sporcarti e fare un disastro, puoi cominciare usando un ombretto in polvere nero. Per essere più precisa, serviti di un pennello piccolo angolato (per esempio il 266 di Mac).

Preleva un po’ di polvere, soffia via l’eccesso e appoggia il pennello lungo il bordo delle ciglia sfumando poi verso l’esterno. L’effetto sarà definito ma naturale.

Bonus: Di solito gli ombretti scuri tendono a fare fall out: per proteggere la tua base viso stendi un velo consistente di cipria sotto gli occhi, la polvere scura si fermerà lì e alla fine dell’operazione potrai rimuovere tutto con un colpo di pennello.

La matita kajal waterproof

Scegli una matita kajal dal colore intenso, la sua morbidezza ti aiuterà a creare un tratto delicato che potrai poi sfumare. Sceglila waterproof così dopo pochi minuti si asciugherà.

Bonus: Se ti piace, metti la matita anche nella rima superiore ed inferiore delle ciglia, lo sguardò risulterà più intenso e ti aiuterà a far sembrare le ciglia più piene.

Eyeliner in penna

Questa è la proposta di eyeliner in commercio più acquistata da chi ha poca manualità. La forma di questo prodotto ricorda, appunto, una penna e regala l’illusione che il gesto sia più semplice.

I miei consigli:

  • pulisci bene la punta della penna se ti accorgi che sgocciola usando un kleenex.
  • traccia la tua riga partendo dall’angolo esterno, dove disegnerai il primo tratto della tua wing. Prosegui poi per piccoli tratti fino a riempire la riga.
  • In senso contrario, unisciti al tratto della wing che hai disegnato prima.
  • Fatto!

Bonus: se hai l’occhio incappucciato o in generale tendi a sbattere molto le palpebre attendi almeno un minuto che il prodotto sia asciutto prima di aprire gli occhi.

Il mio eyeliner in penna preferito per tratto, intensità del colore, durata e facilità d’uso è il Brushstroke 24 Hour Liner di Mac.

tutorial grafico su eyeliner diviso per riquadri con tutte le fasi fino alla riga finale

Eyeliner in gel

L’eyeliner in gel è un prodotto che si presenta in pot, è compatto e non lucido. Per applicarlo è necessario un pennellino angolato oppure uno dalla punta sottile.

Lo consiglio a chi ha già una buona manualità e ama l’effetto mat. Inoltre questo tipo di eyeliner si asciuga molto velocemente e può dare una resa differente a seconda dello stile che vi piace. Anche in questo caso l’applicazione è identica a quella dell’eyeliner in penna.

Bonus: può essere utilizzato anche come base scura per donare più corpo agli ombretti duochrome.

Eyeliner liquido in pennino

L’eyeliner liquido in pennino è un vero classico: la finitura solitamente è lucida e in questo caso occorre una mano fermissima per utilizzarlo.

Bonus: Se hai l’occhio che tende verso il basso evita di portare la tua aletta troppo all’esterno, fermati qualche millimetro prima dal tuo angolo esterno naturale.

due avocado tagliati a metà che simulano degli occhi

Piccoli accorgimenti generali per applicare l’eyeliner

  • Scegli la formula giusta per te. L’eyeliner è complesso da mettere, scegliere il prodotto adatto ti faciliterà nella stesura.
  • Stendi il tuo eyeliner provando a non tirare la palpebra. Inizialmente ti sembrerà più semplice ma nel momento in cui rilascerai la pelle la riga sarà imprecisa e la pelle arrossata.
  • Se hai tante ciglia prova ad applicare l’eyeliner ponendo uno specchio sotto di te e guardando così verso il basso; risultato garantito!
  • Per capire meglio qual è il tipo di linea che più aggrazia il tuo occhio indossa prima il mascara e solo dopo passa all’eyeliner. Gli darai una forma più corretta.
  • Se hai sbordato troppo e la riga è ormai rovinata non temere: hai uno smokey eyes in potenza davanti a te! Sfumalo bene con un pennello ed è fatta.
  • Per correggere piccoli difetti nella linea usa la punta di un cotton fioc impregnato di acqua micellare. Non usare prodotti bifasici: l’olio contenuto nel prodotto scioglierà anche il resto della riga.
  • Quando stendi l’eyeliner fallo da seduta, con lo specchio davanti a te e poggiando il gomito sulla superficie che hai a disposizione: la mano sarà meno tesa e la riga di conseguenza verrà più precisa.

Come scegliere il mascara perfetto per le tue ciglia

Come scegliere il mascara perfetto per le tue ciglia? Non è un’impresa semplice: vorresti delle ciglia incredibili ma in commercio trovi prodotti di ogni tipo e sei confusa. In più sei spesso condizionata dai pareri delle tue amiche o da quelli dell’influencer di turno, che hanno esigenze diverse dalle tue. E gli scovolini? Waterproof o no? No panic, ti aiuto io! Ecco cosa devi sapere per acquistare il mascara giusto per te e avere lo sguardo che hai sempre desiderato.

Che ciglia hai?

Il primo elemento da tenere in considerazione per scegliere il mascara perfetto è il tipo di ciglia di cui siamo dotate. Osservati attentamente: hai ciglia folte, rade, dritte o corte? A seconda della loro quantità e della loro tipologia sceglierai lo scovolino adatto abbinato alla texture che ti permetta di ottenere il risultato che desideri.

Ricorda inoltre di tener conto della grandezza del tuo occhio: non sempre il mascara che ti piace ha lo scovolino adatto e potrebbe risultare scomodo all’utilizzo o aumentare le possibilità che tu ti macchi mentre lo applichi.

immagine dei mascara del marchio Nars della linea climax su sfondo bianco mascara perfetto

Ciglia e scovolino: qual è l’abbinamento adatto per il mascara perfetto?

Ho creato un elenco per aiutarti a scovare il mascara giusto: troverai il match perfetto fra il tipo di ciglia e lo scovolino che più gli si addice. Pronta?

Ho le ciglia folte e lunghe: lasciamelo dire: che culo! Per te ogni mascara è quello giusto: scegli l’effetto che ti piace a seconda del make up che vuoi sfoggiare.

Ho le ciglia folte e dritte: scovolino curvo ed effetto volumizzante, per sfruttare al meglio la quantità che possiedi per natura.

Ho le ciglia lunghe e dritte: mascara incurvante con scovolino a cucchiaio e piegaciglia: sguardo sbam garantito. Per le ciglia lunghe e sottili invece, bene mascara volumizzante con scovolino a clessidra.

Ho le ciglia rade e sottili: in tutta probabilità, l’effetto che vorrai ottenere sarà quello di infoltire, così che il tuo sguardo risulti più intenso e incorniciato. Un mascara volumizzante è quello che fa per te: cercane uno che abbia uno scovolino a clessidra oppure a cono. Più il prodotto sarà corposo, più le ciglia sembreranno piene.

Ho le ciglia corte e rade: in questo caso è meglio mixare più tipologie di mascara: uno per volumizzare e uno per allungare. Anche utilizzare una base coat aiuta; quindi scovolino a clessidra più quello a pettine, che separa e allunga. Se hai ciglia corte ma folte basterà un mascara allungante.

Ho le ciglia dritte: amica, fai diventare il piegaciglia il tuo strumento del cuore! Prima dai alle ciglia una leggera curvatura, poi usa un mascara che sia incurvante. Lo scovolino, ovviamente, sarà curvo o a cucchiaio: ti permetterà di accogliere le ciglia e lavorarle al meglio dalla radice alle punte.

Ho le ciglia corte e dritte: in questo caso, bene gli scovolini curvi o a cucchiaio abbinati a mascara dalla texture leggera che non appesantiscano e non portino le ciglia verso il basso.

Ho le ciglia chiarissime, bionde o rosse: in questo caso scegliere il colore è importante, i mascara intensamente pigmentati (nero, marrone) restituiranno maggiore intensità al tuo sguardo.

strumenti per tenere in ordine le sopracciglia e le ciglia: pinzetta, scovolino, forbicine e cipria

Indicazioni generali per stendere il mascara perfetto

Prendi tempo! – Applicare il mascara velocemente e alla rinfusa sicuramente non ti aiuterà a ottenere un buon effetto. Prenditi il tempo che serve e distribuisci il prodotto dalla radice alle punte più volte, pettinandole bene.

Piegaciglia amico – Sebbene possa apparire uno strumento di tortura, il piegaciglia è assolutamente innocuo e anzi, può facilitare di molto la corretta applicazione del mascara. Sceglilo in base alla forma del tuo occhio e usalo con delicatezza. Non può mancare nel tuo kit di strumenti indispensabili per il trucco.

Base coat o primer per le ciglia – Questo tipo di prodotto va utilizzato prima di stendere il mascara che hai scelto: di solito è bianco o trasparente e costruisce una specie di “impalcatura” che aumenta il volume delle ciglia e la sua durata. Ottimo quando hai un’occasione speciale e vuoi che il make up resti impeccabile.

E se mi sporco? – Niente panico: attendi che il tuo mascara sia perfettamente asciutto e poi con l’aiuto di un cotton fioc striscia con un gesto rapido solo dove hai la macchia, verrà via velocemente e senza danni.

pennelli trucco kit

Quali sono i tuoi mascara del cuore?

Ecco la lista dei mascara che mi hanno rubato il cuore.

My Toy Boy di Diego Dalla Palma

Climax Extreme di Nars

High Impact lash elevating di Clinique

Disturbia di Guerlain

Velvet Noir di Marc Jacobs

Diorshow iconic overcurl di Dior

Lash Queen feline elegance di Helena Rubinstein

Go big or go home di KVD Beauty

Volume effet faux cils di YSL

Eyes to kill classic di Armani Beauty

Dieci pennelli indispensabili per il tuo make up e come usarli

Da quando organizzo e propongo corsi di un trucco ho una grande certezza. Esistono due tipi di persone al mondo: quelle che possiedono centinaia di pennelli, di mille colori, mille fogge e mille materiali (Hello! It’s me!) e quelle che si truccano con le dita. Possiamo inserire una terza categoria al centro fra queste: quelle che non lavano mai i loro pennelli. Che tu faccia parte di uno schieramento o dell’altro, credo che questa piccola guida possa esserti utile per scegliere quali pennelli sono indispensabili per un make up completo e come usarli.

I pennelli sono suddivisi per categorie: prima quelli per truccare il viso, poi quelli per gli occhi, infine quelli per le labbra. Ho scritto i nomi sia in inglese che in italiano per facilitarti la ricerca.

VISO

Stippling brush o pennello duo fibre

Questo tipo di pennello ha una particolarità: è composto da setole di due lunghezze diverse. Al fondo risultano più compatte, in punta sono meno fitte. Puoi notare la differenza anche grazie allo stacco di colore (nero alla base, bianco sulla punta). E’ uno strumento perfetto per stendere il fondotinta se stai cercando un effetto naturale e morbido. Puoi utilizzarlo anche per stendere il blush in crema o l’illuminante liquido.

TIP: Per usare questo pennello al meglio tieni la mano leggera. Appoggia le setole sul fondotinta liquido, deposita con piccoli tocchi il colore sul viso e poi sfuma con movimenti circolari senza forzare le setole. Leggera, stai leggera!

Buffer brush o pennello tampone

Questo tipo di pennello, al contrario del precedente, ha setole molto fitte e una forma circolare. Lo trovi anche leggermente tagliato da un lato, che è utile per raggiungere le zone del viso più piccole (contorno del naso, delle labbra). Come suggerisce il nome, va utilizzato tamponando sul viso per ottenere un effetto di pelle perfetta. Se usato con movimenti circolari, è adatto anche alla stesura di fondi minerali.

TIP: Ricordati, prima di cominciare a lavorare il prodotto sul viso, di scaricare sul dorso della mano l’eccesso di prodotto, così eviterai l’effetto mascherone.

Beauty sponge o spugnetta

Eccola, è lei la paladina di tutte le persone che hanno poca manualità e poco tempo per realizzare la base viso, la beauty sponge. Con la sua caratteristica forma a ovetto, è perfetta per stendere qualunque tipo di fondotinta donando un effetto leggero e lasciando la pelle in trasparenza. Perfetta anche per il correttore e il blush in crema. Non lascia strisce, non perde setole, si lava con facilità ma ha una vita corta: ricordati di sostituirla almeno ogni tre mesi.

TIP: Prima di usare la spugnetta, immergila nell’acqua, strizzala e passala ancora su un telo: in questo modo assorbirà meno fondotinta e la stesura del fondo risulterà super naturale. Puoi utilizzare la parte della base per truccare il viso e la punta per i dettagli (contorno occhi, naso, labbra).

Concealer brush o pennello da correttore

Il pennellino da correttore per me è un mai più senza: non solo aiuta a mimetizzare le occhiaie ma anche a correggere imperfezioni e brufoletti. In setole sintetiche, ha una forma piatta ed è più affilato in punta. Molti correttori hanno già la spugnetta o il loro applicatore a bastoncino: ti consiglio di evitare di usarli, sia per una questione igienica sia perché prelevare il prodotto con il pennellino ti permette di usarne una minore quantità e ottenere un effetto più naturale.

TIP: Usa il pennello tamponando leggermente il prodotto nell’area degli occhi e sfumalo verso i bordi. Armonizzerà perfettamente con il fondotinta ed eviterai l’effetto panda. Per macchie e brufoli, deposita con la punta il prodotto solo nel punto in cui ti serve senza portarlo troppo in giro per il viso. Questo pennello può aiutarti a correggere anche il bordo degli occhi se hai sbordato troppo con l’ombretto, idem per quanto riguarda il rossetto.

Powder-blush-bronzer brush o pennello per le polveri (cipria, terra, fard)

Li metto tutti insieme per una questione di praticità: potresti avere un pennello per ogni prodotto o usarne uno solo per fare tutto (che è molto comodo se sei in viaggio, ad esempio, e non puoi portarti dietro tutta la tua collezione). Questo tipo di pennello di solito ha setole molto morbide e una forma a cupola. Più è soffice, più delicatamente diffonderà il colore delle polveri (e ti eviterà l’effetto Heidi tipico che regala un blush troppo marcato sulle guance).

TIP: Per la cipria – Preleva la polvere, scuoti il pennello per eliminare l’eccesso e poggialo sul viso. Alla fine dell’operazione, spolvera delicatamente per evitare che il viso risulti troppo asciutto.

Per il blush – Preleva la polvere, scuoti il pennello e muovilo sul viso partendo dalle guance e sfumando verso le tempie.

Per il bronzer – Puoi usare la tecnica della C: disegna ai lati del volto partendo dalle tempie delle piccole c per un leggero effetto contouring.

OCCHI

Eyeshadow shader brush o pennello da ombretto

Questo tipo di pennello ha la forma tonda, è piatto e ha setole molto dense perfette per trattenere le polveri colorate e depositarle solo nella zona dell’occhio che vogliamo definire.

TIP: Dopo aver prelevato il prodotto, usa il pennello tamponandolo sull’occhio e riempiendo lo spazio della palpebra. Usa la parte superiore del pennello per definire i bordi dell’occhio.

Eyeshadow blending brush o pennello da sfumatura

Diversamente dal pennello precedente, questo strumento non deposita il colore ma lo diffonde per creare un’ombra e mescola in modo naturale i colori. Di solito è morbido e ha una forma a tulipano. A seconda della grandezza, amplia o meno la sfumatura.

TIP: Usalo nella piega dell’occhio per rendere più naturale l’ombretto e lungo i bordi per creare una “cornice”.

Eyeliner brush o pennello da eyeliner

Un pennello temutissimo quasi quanto il piegaciglia: ha pochissime setole ed è appuntito. Questo lo rende perfetto per disegnare linee precise sugli occhi. Adatto per eyeliner in gel o liquido. Puoi fare a meno di questo strumento se preferisci utilizzare un prodotto in penna.

TIP: Respiro profondo e mano ferma, dopo aver prelevato il prodotto e aver depositato l’eccesso sul dorso della mano, disegna una linea seguendo la forma del tuo occhio.

Eyebrows brush o pennello per sopracciglia

Questo pennello di solito è un duo. da una parte uno scovolino per pettinare le sopracciglia, dall’altra un pennello piccolo con setole rigidi e tagliato lateralmente per le polveri da definizione. in commercio trovi ormai tantissime matite per sopracciglia che hanno sia la mina che lo scovolino: scegli quello che è più pratico per te.

TIP: Usa lo scovolino per pettinare prima le sopracciglia e con il pennellino riempi solo le parti che hanno dei buchi, provando a replicare la direzione di crescita del pelo naturale. Alla fine dell’operazione pettina ancora le sopracciglia per togliere l’eccesso di polvere.

LABBRA

Lip brush o pennello per le labbra

Questo pennellino è di piccole dimensioni, ha setole rigide e in punta è più sottile e definito per aiutarti a definire meglio l’arco di cupido e i bordi. Non è semplicissimo da utilizzare perché occorre grande precisione ma è molto utile per prelevare la giusta quantità di rossetto e per sfumare bene la matita.

TIP: Disegna prima il contorno delle labbra con la matita, poi preleva direttamente dal bullet un velo di rossetto e riempi tutte le labbra. Puoi anche mescolare più colori per creare una nuance tutta tua.

Non vuoi comprare i pennelli singolarmente ma preferisci un kit completo già pronto? Questi sono i miei consigli:

Se questo post ti è stato utile condividilo, amalo, invialo, usalo 🙂

(i link amazon presenti in questo post sono affiliati. Se compri usando questi link io guadagnerò una piccola percentuale).

Come pulire i pennelli per il trucco (e ogni quanto dovresti farlo)

Usiamo i pennelli per il trucco quasi ogni giorno ma non possiamo dire la stessa cosa quando si tratta invece di pulirli. Lavare i pennelli una volta al mese, passarli più volte sul viso nonostante le setole siano piene di prodotto secco, tenerli chiusi in una scatola è quanto di più sbagliato si possa fare. Scrivo questo post per tutti i poveri strumenti da make up abbandonati al loro triste destino e perché no, per salvare la tua pelle dall’aggressione gratuita di polvere e batteri.

QUANTO SPESSO DEVO PULIRE I PENNELLI?

ALMENO una volta alla settimana. Questo vale soprattutto per i pennelli che utilizzi per stendere il fondotinta e il correttore (prodotti che di solito sono liquidi e grassi e sporcano molto le setole). Lavare i tuoi pennelli non solo ti aiuta a mantenere la pelle più pulita ma permette ai tuoi strumenti di fare il loro lavoro al meglio. Le setole dei pennelli sono porose e trattengono olii, polvere e batteri. Più sono sporchi, più la stesura dei prodotti risulterà difficile e la tua base viso sarà irregolare o macchiata. Anche per i pennelli occhi vale la stessa regola: se sono sporchi non riuscirai a miscelare gli ombretti e rischierai congiuntiviti e orzaioli. E chi li vuole? Io no di certo e spero anche tu.

QUAL E’ IL MODO GIUSTO PER PULIRE I PENNELLI?

Non ci crederai ma il metodo ideale è di una semplicità disarmante: basterà acqua tiepida, del sapone (scegli tu se quello in barretta o quello liquido) e le tue sante manine. Per rendere tutto più immediato, ecco l’elenco delle azioni che dovrai compiere per avere finalmente dei pennelli puliti:

1. Immergi le setole dei tuoi pennelli nell’acqua tiepida.

2. Versa sul palmo della tua mano un po’ di detergente liquido oppure usa una saponetta.

3. Massaggia delicatamente le setole sul palmo della tua mano o sulla superficie della saponetta.

4. Risciacqua attentamente ogni residuo di detergente.

5. Elimina l’eccesso di acqua con le mani.

6. Ridona la forma originaria alle setole riformandola con le mani.

7. Stendi i tuoi pennelli su un asciugamano avendo cura di lasciare la parte delle setole fuori dal bordo della superficie dove li appoggerai. In questo modo i pennelli si asciugheranno più in fretta ed eviterai che possano ammuffire.

Non immergere MAI interamente i pennelli in acqua e sapone: le setole sono incollate alla base e il contatto potrebbe sciogliere la colla e provocare il distacco delle setole. Per lo stesso motivo, è meglio evitare di lasciare ad asciugare i pennelli in verticale.

CON QUALE DETERGENTE POSSO LAVARE I MIEI PENNELLI?

Scegli un detergente delicato o un sapone neutro: vanno benissimo, ad esempio, gli shampoo per bambini o la semplice saponetta di Marsiglia. Esistono in commercio svariati detergenti appositi che svolgono anche un’azione antibatterica; io li trovo completamente inutili ma se ti piacciono qui trovi i più quotati del momento:

Real Techniques Brush cleansing gel

Mac Cosmetics Brush Cleanser

Da Vinci cleaning soap

POSSO PULIRE I MIEI PENNELLI CON UNO SPRAY?

Sì, puoi ma sappi che si tratta di un passaggio di pulizia superficiale, che puoi adottare tra un lavaggio profondo con il sapone e l’altro. Ottimi il NYX On the spot Make up Brush Cleanser spray, il Diego Dalla Palma Detergente Spray o lo Spray detergente senza risciacquo di Sephora.

COME CAPISCO QUAND’E’ IL MOMENTO DI SOSTITUIRE I MIEI PENNELLI?

Se ti accorgi che il pennello ha perso la sua forma originaria, se perde setole o si sfilaccia, se la testina si stacca dal corpo è giunto il momento di salutarvi. Avere cura degli strumenti con cui ti trucchi ne prolunga la vita e ti assicura sempre un make up ben fatto.

POSSO ASCIUGARE I MIEI PENNELLI CON IL PHON? POSSO ASCIUGARE I MIEI PENNELLI APPOGGIANDOLI SU UNA FONTE DI CALORE (es. calorifero)?

NO. Il calore potrebbe deformarne il corpo e rovinarne le setole.

POSSO LAVARE NELLO STESSO MODO LA MIA SPUGNETTA PER IL TRUCCO?

Certo! Ricordati solo che, rispetto ai pennelli, le spugnette vanno sostituite molto più spesso. Possiamo dire che la vita media di una spugnetta per il trucco è di tre mesi. Qui trovi le mie preferite.

Se questo post ti è stato utile condividilo, amalo, invialo, usalo 🙂

[i link amazon che trovi in questo post sono affiliati. Se acquisti usando quei link io guadagnerò una percentuale]